Regolamento scuola dell’infanzia

 

ORARIO E FREQUENZA REGOLARE

La puntualità e la frequenza regolare ad ogni attività sono presupposto fondamentale    per l’ordinato svolgimento delle medesime; favoriscono, inoltre, la formazione all’assunzione responsabile dei propri impegni.

Per questo si chiede la collaborazione dei genitori.

 L’orario della Scuola dell’infanzia è così articolato:

Tutti i giorni dalle 9.00 alle 16.15.

Per coloro che hanno esigenze di anticipare e/o posticipare l’entrata e l’uscita dalla      scuola, rispetto all’orario di lezione, vengono offerti i seguenti servizi:

Al mattino, dalle ore 7.30 alle ore 9.00 servizio di accoglienza

Al termine delle attività, cioè dopo le 16.15, servizio di post scuola sino alle ore 18.30

Nei pomeriggi del mercoledì e del venerdì sono disponibili le attività facoltative

Per poter garantire il regolare svolgimento delle lezioni, i bambini devono essere salutati all’ingresso della Scuola.

I genitori non devono intrattenersi con gli insegnanti durante l’orario d’entrata dei bambini.

Per seri e giustificati motivi gli alunni possono entrare e/o uscire dalla scuola con orari diversi   da quelli precedentemente descritti.

In tale circostanza, è opportuno avvisare le insegnanti all’inizio delle lezioni o telefonicamente la scuola.

In caso di assenza dalle attività didattiche:

Avvisare telefonicamente la scuola che provvederà a comunicarlo alle insegnanti.

Per le assenze riconducibili allo stato di salute superiori ai cinque giorni, la Regione Lombardia ha stabilito con apposita legge regionale che per tutte le scuole delle province lombarde sia abolito l’obbligo di rilascio di certificati medici di riammissione oltre i cinque giorni di assenza da scuola.

In tali casi riteniamo che, in mancanza del certificato medico non più dovuto, la famiglia possa semplicemente comunicare alla scuola il motivo dell’assenza, anche nell’interesse della salute del proprio figlio e degli altri bambini.

Per particolari malattie infettive che abbiano comportato anche un ricovero ospedaliero per il livello di gravità della malattia stessa, la certificazione medica è necessaria per la riammissione a scuola.

Al momento dell’uscita da scuola gli insegnanti consegneranno i bambini direttamente ai genitori o a persona maggiorenne da essi delegata, È FATTO DIVIETO DI AFFIDARE I BAMBINI A FAMILIARI MINORENNI O A PERSONE NON DELEGATE.

I genitori sono tenuti a comunicare preventivamente alla scuola eventuali cambiamenti relativi alle deleghe necessarie per il ritiro dei bambini.

Nel caso di genitori separati o divorziati, la Direzione si riserva di chiedere una copia degli atti giudiziari attestanti i diritti dei singoli genitori sui bambini.

COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI

  • I bambini sono guidati e orientati a stabilire e a vivere correttamente il rapporto interpersonale con gli altri compagni, con gli insegnanti e con tutti gli operatori presenti nell’ambiente scolastico, al fine di crescere e di maturare una personalità serena ed armonica.
  • La Direzione non risponde di oggetti di valore smarriti o danneggiati nei locali scolastici.
  • Con gli educatori il rapporto sarà improntato all’ascolto, al dialogo e alla collaborazione.
  • Agli alunni che, per azioni scorrette, recheranno danno alle strutture o alle attrezzature sarà richiesto il corrispondente risarcimento.
  • Per la serietà che è propria dell’ambiente i genitori sono tenuti a prestare particolare attenzione e cura nel modo di vestire dei propri figli.
  • Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola con la divisa regolamentare:
  • grembiule di sezione.
  • tuta da ginnastica fornita dalla scuola da indossare nei giorni in cui è prevista Educazione Motoria e durante le uscite didattiche a cui la Scuola aderirà.
  • Al termine delle attività didattiche giornaliere gli alunni, coordinati dall’insegnante, avranno cura di controllare lo stato dell’aula, della palestra e dell’attrezzatura scolastica utilizzata facendo in modo che tutto rimanga in ordine

 

MODALITÀ DI COMUNICAZIONE

CON I GENITORI

I genitori degli alunni sono i primi responsabili dell’educazione dei propri figli ed hanno il  diritto di richiedere informazioni sul loro comportamento nei tempi e nei luoghi stabiliti.

  • Siano pertanto disponibili ad accettare eventuali osservazioni fatte dagli insegnanti relativamente ad atteggiamenti inadeguati o problematiche dei propri figli e si impegnino a collaborare per la buona riuscita del progetto educativo.
  • Gli operatori scolastici fondano la comunicazione con la famiglia di ogni alunno, per quanto è possibile, su elementi di esperienza diretta, viva e personale.
  • Ogni comunicazione deve avvenire pertanto all’interno dell’Istituto e personalmente, evitando l’uso del telefono per informazioni di tipo educativo-didattico.
  • Gli insegnanti forniranno, all’inizio di ogni anno scolastico, l’orario di ricevimento e i colloqui si terranno preferibilmente su appuntamento. Per ulteriori esigenze educativo/didattiche si prenderanno accordi con l’insegnante.
  • Nei mesi di novembre e di maggio saranno stabiliti colloqui individuali che forniranno una valutazione di carattere globale degli alunni. I genitori prenderanno visione e firmeranno tale valutazione. I fogli informativi saranno consegnati alle famiglie al termine dei tre anni scolastici.
  • Per tutti i genitori sono previsti momenti di incontro, di dialogo e di confronto nelle:
  • Assemblee di classe
  • Incontri formativi con Specialisti nel campo dell’Educazione (psicologi, sociologi, pedagogisti, pediatri).
  • Incontri di gioia e di festa, che scandiscono l’anno scolastico (festa di Natale, S. Messe di inizio anno, Natale, Pasqua e festa dell’anniversario dell’Istituto, pellegrinaggio scuola-famiglia, festa di chiusura dell’anno scolastico).
  • rappresentanti dei genitori hanno il compito di essere promotori tra i genitori, docenti e alunni di un dialogo sereno e aperto alle finalità educative e culturali della Scuola, studiando proposte e problemi volti a realizzarlo.

REGOLAMENTO SANITARIO

  • È buona norma che gli alunni frequentanti la scuola si presentino in classe in condizione di buona salute generale.
  • Gli insegnanti, previa autorizzazione della Direzione, informeranno telefonicamente le famiglie nei seguenti casi:
  • Indisposizione presunta o accertata dell’alunno
  • Presenza di un rialzo febbrile
  • Infortunio
  • In caso di infortunio valutato serio, si avviserà tempestivamente il 112 e la famiglia.  I dipendenti provvederanno ad effettuare un primo intervento di pronto soccorso se consigliato da personale medico-sanitario.
  • In caso di infestazione da pediculosi riscontrata a scuola, i bambini che presentano insetti vivi verranno allontanati dalla scuola e vi saranno riammessi solo con certificato medico.
  • In caso di pediculosi riscontrata a casa i genitori sono vivamente invitati a informare la scuola tempestivamente onde consentire alle altre famiglie di attuare misure preventive.
  • In caso di assenza per malattie infettive o infestazione da pediculosi, i genitori sono tenuti ad informare la Scuola, che provvederà, tramite cartelli esposti all’ingresso della stessa, ad informare tutte le famiglie del possibile contagio.
  • In caso di assenza per malattia infettiva qualora l’alunno non fosse in possesso di certificato medico non potrà essere riammesso a scuola.
  • A seguito di una malattia e in forma preventiva, la scuola non è autorizzata a somministrare farmaci di alcun genere (anche omeopatici). Nell’organizzare, quindi, una cura terapeutica, la famiglia deve fare in modo che il bambino assuma i medicinali prima e/o dopo le lezioni scolastiche.
  • Il pranzo è considerato un momento educativo.
  • Le tabelle dietetiche sono formulate in modo da assicurare un’alimentazione equilibrata, pertanto, nel caso di diete personalizzate dell’alunno, si dovrà presentare certificato del pediatra.
  • In caso di indisposizione temporanea e solo per un breve periodo, per richiedere la dieta in bianco sarà sufficiente una comunicazione scritta del genitore.
  • Sarà possibile la variazione del menù solo ed esclusivamente in presenza di tali situazioni:
  1. Intolleranze ed allergie solo certificate.
  2. Scelte religiose.
  3. Indisposizione temporanea per la durata di tre giorni con dieta in bianco. 

 

REGOLAMENTO DURANTE LE USCITE DIDATTICHE

  • Gli insegnanti, all’inizio o durante l’anno scolastico, informeranno le famiglie sulle uscite didattiche o gite che intenderanno effettuare.
  • La partecipazione alle uscite non è obbligatoria, ma è auspicabile che l’intera classe partecipi a tali iniziative, in quanto selezionate e scelte per arricchire la formazione didattica, culturale ed educativa degli alunni. Qualora non si voglia far aderire il proprio figlio a tali iniziative, la Scuola è da considerarsi chiusa per quel giorno perché non può esser garantita la sorveglianza.
  • Il costo delle uscite è interamente a carico della famiglia.
  • Gli accompagnatori durante le uscite scolastiche saranno solo ed esclusivamente insegnanti, operatori scolastici e, occasionalmente, genitori disponibili laddove vi siano motivate necessità.
  • A nessun genitore viene permesso, normalmente di accompagnare la classe durante tali uscite. Sarà, invece, espressamente richiesto l’accompagnamento ai genitori, i cui figli presentino gravi problemi di salute o di handicap.
  • La partecipazione alle uscite didattiche è vincolata alla presentazione di autorizzazione, debitamente compilata e sottoscritta dai genitori, mediante apposito modulo fornito dalla Scuola.